La protezione della Tuttasanta Signora nostra, la Madre di Dio e Sempre Vergine Maria (14 ottobre)

La protezione della Tuttasanta Signora nostra, la Madre di Dio e Sempre Vergine Maria (14 ottobre)

La Protezione della Santissima Madre di Dio: "Oggi la Vergine si trova in mezzo alla Chiesa, e con i cori dei Santi invisibilmente lei prega Dio per noi, Angeli e Vescovi la venerano, apostoli e profeti gioiscono insieme, poiché per amor nostro lei prega l'Eterno Iddio!".

Questa apparizione miracolosa della Madre di Dio, avvenne verso la metà del X secolo a Costantinopoli, nella chiesa di Blacherne, dove la sua veste, il velo, e parte della sua cintura erano custoditi dopo essere stati trasferiti dalla Palestina nel V secolo.

Domenica, 14 ottobre durante la Veglia Notturna, quando la chiesa traboccava di gente in preghiera, sant'Andrea il Folle-per-Cristo, alla quarta ora, alzò gli occhi verso il cielo e vide la nostra Santissima Vergine Theotokos venire attraverso l'aria, splendente di luce celeste e circondata da un'assemblea di santi. San Giovanni Battista e il santo apostolo Giovanni il Teologo accompagnavano la Regina del Cielo. Per lungo tempo in ginocchio la Santissima Vergine in lacrime pregò per i cristiani. Poi, avvicinandosi al Trono del Vescovo, continuò la sua preghiera.

Dopo aver completato la sua preghiera prese il suo velo e lo distese sopra la gente che pregava in chiesa, proteggendoli dai nemici visibili e invisibili. La Santissima Vergine Theotokos era splendente di gloria celeste, e il velo della protezione tra le sue mani brillava "più che i raggi del sole". Sant'Andrea guardava tremante la visione miracolosa e chiese al suo discepolo, in piedi accanto a lui il beato Epifanio: "Vedi, fratello, la Santa Theotokos, che sta pregando per tutto il mondo?". Epifanio rispose: "Vedo, padre santo, e sono in soggezione".

La sempre Beata Madre di Dio implorò il Signore Gesù Cristo di accettare le preghiere di tutto il popolo invocando il suo Santissimo Nome, e rispondere rapidamente alla sua intercessione, "Re Celeste, accetta tutti coloro che pregano Te e invocano il mio nome per un aiuto. Non lasciare che essi si allontanino dalla mia icona inascoltati".

I santi Andrea ed Epifanio furono degni di vedere la Madre di Dio in preghiera, e "per lungo tempo osservarono la Protezione del Velo distesa sul popolo e splendente con lampi di gloria. Fintanto che la Santissima Madre di Dio era lì, era anche visibile il Velo della Protezione, ma con la sua partenza anch'esso diventò invisibile. Dopo averlo preso con lei, ha lasciato dietro la grazia della sua visita".

Nella chiesa di Blacherne, era ricordata la memoria della miracolosa apparizione della Madre di Dio. Nel XIV secolo, il pellegrino e copista russo Alexander, vide nella chiesa l'icona della Santissima Theotokos che prega per il mondo, raffigurante sant'Andrea in contemplazione di Lei.

La Prima Cronaca di san Nestor riflette sul fatto che l'intercessione della Protezione della Madre di Dio era necessaria a causa di un attacco di una grande flotta russa pagana sotto la guida di Askole e Dir. La festa celebra la divina distruzione della flotta che minacciò, una volta, la stessa Costantinopoli, negli anni 864-867 o secondo lo storico russo Vasiliev, il 18 giugno 860. Ironia della sorte, questa festa è considerata importante dalle Chiese Slave, ma non dai Greci.

La Cronaca Prima di san Nestor riferisce inoltre della liberazione miracolosa seguita ad una Veglia Notturna e all'immersione della veste della Madre di Dio nelle acque del mare presso la chiesa di Blacherne, ma non fa menzione dei santi Andrea ed Epifanio e della loro visione della Madre di Dio in preghiera. Questi ultimi elementi, e l'inizio della celebrazione della Festa della Protezione, sembrano essere posteriori a san Nestor e la Cronaca. Un'ulteriore complicazione storica potrebbe essere osservata sotto la datazione (2 ottobre) della morte di Sant'Andrea nell'anno 936.

L'anno della morte potrebbe non essere abbastanza affidabile, o l'affermazione che è sopravvissuto fino a una veneranda età, dopo la visione della sua giovinezza, o che la sua visione ha coinvolto dopo le incursioni russe pagane, qualcuno che ha incontrato lo stesso destino. L'ipotesi che sant'Andrea sia stato uno Slavo (o uno Scita secondo altre fonti, come S. V. Bulgakov) è interessante, ma non necessariamente precisa. Il grado di espansione slava e il ripopolamento in Grecia è argomento di controversie accademiche.

Nel Prologo, un libro russo del XII secolo, una descrizione della fondazione della speciale Festa segnando questo evento dichiara: "Poiché quando abbiamo sentito, ci siamo resi conto come mirabile e misericordiosa sia stata la visione... ed è emerso che la Tua Santa Protezione non deve rimanere senza celebrazione di festa, o Sola Sempre-Beata!".

Pertanto, nella celebrazione della festa della Protezione della Madre di Dio, la Chiesa Russa canta: "Con i cori degli Angeli, o Sovrana Signora, con i profeti venerabili e gloriosi, con gli Apostoli primi schierati e con gli ieromariri e i gerarchi, prega per noi peccatori, glorificando la festa della tua Protezione nella terra Russa". Inoltre, sembrerebbe che sant'Andrea, che contemplò la visione miracolosa fosse uno slavo, che era stato preso prigioniero, e divenne schiavo di un abitante locale di Costantinopoli di nome Theognosto.

Chiese in onore della Protezione della Madre di Dio cominciarono a sorgere in Russia nel XII secolo. Conosciuto per la sua qualità architettoniche è il tempio della Protezione a Nerl, che fu costruito nel 1165 dal santo principe Andréj Bogoliubsky. Gli sforzi di questo santo principe stabilirono nella Chiesa Russa anche la festa della Protezione della Madre di Dio, verso l'anno 1164.

A Novgorod, nel XII secolo vi era un monastero della Protezione della Santissima Madre di Dio (il cosiddetto monastero Zverin). Anche a Mosca sotto lo zar Ivan il Terribile fu costruita la cattedrale della Protezione della Madre di Dio presso la chiesa della Santissima Trinità (conosciuta come chiesa di San Basilio).

Nella festa della protezione della Santissima Madre di Dio imploriamo la difesa e l'assistenza della Regina del Cielo: "Ricordati di noi nelle Tue preghiere, o Signora Vergine Madre di Dio, che noi non periamo per l'aggravio dei nostri peccati. Proteggici da ogni male e da gravi sventure, perché in Te speriamo, e venerando la festa della tua Protezione, Ti magnifichiamo".

Tropario - Tono 4

Oggi i fedeli celebrano la festa con gioia illuminati dalla tua venuta, o Madre di Dio. Vedendo la tua pura immagine fervidamente gridiamo a Te: "Avvolgici sotto il velo prezioso della Tua protezione; liberaci da ogni forma di male pregando Cristo, tuo Figlio e nostro Dio, Lui che può salvare le nostre anime".

Kontakion - Tono 3

Oggi la Vergine si trova in mezzo alla Chiesa, e con i cori dei Santi invisibilmente Lei prega Dio per noi, Angeli e Vescovi la venerano, Apostoli e Profeti gioiscono insieme, poiché per amor nostro lei prega l'Eterno Iddio!

 

timbro hristos 326x327

 

© Copyright - Tutti i diritti riservati.

Fonte: "tradizione.oodegr.com/tradizione_index/commentilit/protezione.htm"

Date

14 Ottobre 2019

Tags

Ott

Hristos

La Chiesa non è la barca personale di qualcuno, né del papa, né del patriarca, né del vescovo. Nessuno può far tacere lo Spirito nella Chiesa, nei fedeli.

San Paisios del Monte Athos

Ultimi articoli

Prossima festività

© 2019 Hristos. All Rights Reserved. Designed By Domenico Oliveri.