Sull'intercessione dei santi

L'intercessione è la supplica o la preghiera per conto di altri. L'atteggiamento d’intercessione è un atteggiamento d'amore. L'amore si manifesta nella nostra reciproca preghiera. Il Signore pregò per quelli che credono in Lui affinché tutti «siano una cosa sola» (Giovanni 17, 11).

icona vergine apostoliQuando l'apostolo Paolo dice che «uno solo, infatti, è Dio e uno solo il mediatore fra Dio e gli uomini, l'uomo Cristo Gesù» (1 Timoteo 2, 5), questo è vero e non contraddice il principio d'intercessione, perché "Mediatore" significa colui che ha compiuto la redenzione.

Chi non crede nell'intercessione è molto lontano da una profonda comprensione dell'amore cattolico (universale) tra i membri del Corpo di Cristo (la Chiesa).

L'affermazione secondo cui l'intercessione dei santi è inutile perché essi sono morti (come sostengono i Testimoni di Geova), viene confutata dal Signore quando dice «il Signore il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe». Poiché Egli «non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui» (Luca 20, 37-38).

I santi – inclusa la più grande fra loro, la Madre di Dio – non sono adorati, perché ci rivolgiamo a loro con venerazione e supplica. Essi sono raggi della gloria di Cristo, e come cari al Signore hanno il potere di intercedere in cielo per conto del popolo della terra (di questo mondo). I santi, nel loro grande amore per gli uomini, pregano per noi, sia che essi siano vivi o morti (per il mondo).

La Vergine Maria, a causa del suo amore, intercedette presso suo Figlio quando il vino mancò alle nozze di Cana di Galilea.

La madre di Gesù gli disse: «Non hanno più vino». E Lui le rispose: «Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora». La madre dice ai servi: «Fate quello che vi dirà» (Giovanni 2, 3-5).

E così, quando l'apostolo Paolo dice, «uno solo, infatti, è Dio e uno solo il mediatore fra Dio e gli uomini, l'uomo Cristo Gesù» (1 Timoteo 2, 5), ciò non significa che la Vergine Maria e i santi non siano più intercessori per noi, poiché il Signore Gesù rimane l'unico salvatore e i santi – prima fra tutti la Vergine Maria – hanno la libertà di "provvedere", insieme al Signore e Dio Gesù, nella mediazione e nella preghiera per ogni persona bisognosa dell'aiuto di Dio.

Questa è la comprensione della Chiesa: la tenacia della Vergine e dei santi nella preghiera e supplica per la salvezza dei credenti e di tutte le persone; questa salvezza scaturisce dal Signore Gesù Cristo, il solo che ha redento il mondo versando il Suo sangue sulla croce.

Colui che non crede nell'intercessione dei santi – e non so da dove derivi tale opinione – è estraneo al concetto di amore divino. Molto probabilmente tale posizione è nata da una logica razionalistica. Ma colui che vive una vita spirituale, conosce la verità dell'intercessione e il suo valore nella sua esistenza.

 

timbro hristos 326x327

 

© Copyright - Tutti i diritti riservati.

Fonte: "pravmir.com/metropolitan-ephrem-kyriakos-speaks-on-intercession-of-saints/"

Traduzione libera a cura di Tudor Pectusvetlana soboleva1Collaboratore occasionale - Sono nato nel 1986 in Romania. Laureato in etica e filosofia della cultura e dottorando alla Facoltà di Filosofia di Bucarest. Ho pubblicato diversi articoli e libri sul rapporto tra fede e ragione e sul ruolo della spiritualità cristiana nella società contemporanea. Il mio ultimo libro "La riscoperta dell'eredità ortodossa dell'Occidente", Casa Editrice Agaton, Făgăraş, 2017. per hristos.it

Hristos

La Chiesa non è la barca personale di qualcuno, né del papa, né del patriarca, né del vescovo. Nessuno può far tacere lo Spirito nella Chiesa, nei fedeli.

San Paisios del Monte Athos

Ultimi articoli

Prossima festività

© 2019 Hristos. All Rights Reserved. Designed By Domenico Oliveri.