Chi vuole salvarsi deve accompagnarsi a persone virtuose

Colui che entra nella profumeria, anche se non compra niente, prende su di sé qualche aroma. Così capita a colui che visita i Padri, se vuole lavorare spiritualmente, essi gli mostreranno la strada dell'umiltà che lo proteggerà, come un muro, dagli attacchi dei demoni.

Macario-il-Grande

Tratto dal Gheronticò

L'abbà Palladio disse: «L'anima che lotta secondo la volontà di Dio deve, o imparare correttamente le cose che non sa, o insegnare con chiarezza tutto quello che ha imparato.

Se non vuole fare nessuna di queste due cose, ciò non va bene. Perché il principio dell'apostasìa – il rinnegamento di Dio – si trova nella mancanza dell'insegnamento e nella mancanza di desiderio di cibarsi della parola divina; parola di cui l'anima che ama Dio ha sempre fame.»

Disse ancora l'Abbà Palladio:

«Più della finestra illuminata, bisogna ricercare la compagnia delle persone virtuose, perché con il loro aiuto si potrebbe vedere il proprio cuore come un libro scritto bene e, paragonando la propria vita con la loro, si potrà conoscere la propria pigrizia o la propria operosità. Nelle persone virtuose infatti esistono molti elementi, anche esterni, che manifestano la purezza della loro anima: la luce che si espande dal volto, a causa di uno stile di vita gradito a Dio, il modo di vestirsi, la semplicità dell'etica, la decenza delle parole, la schiettezza nei discorsi, la saggezza nei pensieri, l'attenzione nelle manifestazioni. Tutto questo aiuta molto le persone che le osservano e imprimono nelle loro anime il prototipo immutabile della virtù.»

Raccontava l'abbà Cassiano.

Un gheronda (anziano) che si esercitava nel deserto, pregava Dio di dargli questo carisma: di non aver mai sonno quando si fa una discussione spirituale, quando però qualcuno sproloquia o giudica, di aver sonno, per non infettare le sue orecchie con questo veleno. E in realtà Dio gli diede ciò che chiedeva.

Diceva allora questo vecchio, che il diavolo è il capo dello sproloquio e avversario di ogni insegnamento spirituale. E confermava la sua parola con questo esempio: «Una volta, mentre parlavo ad alcuni fratelli di questioni che aiutano l'anima, hanno avuto così tanto sonno che non potevano muovere neppure le loro ciglia. Ed io allora volendo manifestargli che questo succede a causa dell'attività del demonio, ho cominciato a sproloquiare. In quel momento è passato il sonno e sono diventati pieni di gioia!»

Sospirai e dissi loro: «Guardate fratelli miei! Quando parlavamo di cose celesti i vostri occhi li ha chiusi il sonno, quando però si sono sentite parole vanitose tutti vi siete svegliati e sentivate volentieri. Vi prego allora fratelli di capire l'energia dell'astuto demone e di essere attenti per evitare il sonno ogni volta che sentite o fate qualcosa di spirituale.»

Tre Padri avevano l'abitudine di andare ogni anno dal Beato Antonio. Di questi, due facevano diverse domande per i loro pensieri (logismoi) e per la salvezza dell'anima. Il terzo però stava in silenzio e non chiedeva niente. Venendo a lui tante volte, senza che questo fratello avesse mai nulla da chiedere, gli disse Padre Antonio: «Da tanto tempo vieni qui e non hai nulla da chiedermi?»

E lui rispose: «Mi basta solo vederti, Padre.»

Raccontarono di un vecchio che digiunò settanta settimane, mangiando una sola volta alla settimana, e pregando in questo tempo Dio di manifestargli il senso di un passo della Bibbia. Ma Dio non glielo rivelò. Disse allora dentro di sé: «Ecco, ho fatto tante fatiche e non sono riuscito in nulla. Andrò allora da un mio fratello e chiederò a lui.»

Partendo però, mentre chiudeva dietro di sé la porta, il Signore mandò un angelo che gli disse: «Settanta settimane del tuo digiuno non sono bastate a Dio. Quando però ti sei umiliato e ti sei mosso per andare dal tuo fratello, Lui mi mandò per spiegarti il passo.»

E dopo averlo erudito circa il senso del brano richiesto, se ne andò.

Disse qualche gheronda:

«Colui che entra nella profumeria, anche se non compra niente, prende su di sé qualche aroma. Così capita a colui che visita i Padri, se vuole lavorare spiritualmente, essi gli mostreranno la strada dell'umiltà che lo proteggerà, come un muro, dagli attacchi dei demoni.»

Una volta andò da Abba Filix un fratello, accompagnato anche da alcuni laici. Pregò allora l'Abbà di dirgli parole utili. Il gheronda però stava in silenzio. Il fratello continuò a pregarlo per tanto tempo, e alla fine lui gli disse:

«Volete sentire una parola utile per l'anima?»

«Si, Abbà» – risposero.

«Non esistono più parole – disse il gheronda – perché quando i fratelli chiedevano ai vecchi e seguivano i loro consigli, Dio mandava parole utili, per aiutare quelli che chiedevano. Adesso però, siccome chiedono, ma non praticano quello che sentono, Dio priva i vecchi della grazia della parola. Non sanno allora cosa dire, perché non esistono più operai della virtù.»

Quando i visitatori lo sentirono, gli dissero sospirando: «Prega per noi, Abbà.»

Dell'Abbà Marco.

L'uomo consiglia il suo prossimo come lui sa. Dio però fa agire colui che sente secondo la propria fede.

L'uomo che manda lontano la rabbia, ha molta conoscenza (Proverbi 14, 29). Lo stesso è anche per colui che stende l'orecchio per sentire parole di saggezza spirituale.

Non rifiutare di imparare nuove cose, anche se sai tanto. Perché quello che può Dio per farti crescere, è molto più utile del nostro pensiero.

Colui che vuole alzare la propria croce e seguire Cristo, deve prima cercare la vera conoscenza e il vero insegnamento, ispezionando senza fermarsi i suoi pensieri e curando continuamente la propria salvezza; chiedendo ai servi di Dio, che hanno lo stesso pensiero e combattono la stessa guerra con lui, così che non ignorerà mai come cammina e non andrà avanti nell'oscurità, senza una candela che illumina. Perché colui che cammina in modo autonomo, senza conoscenza evangelica, senza discernimento e senza la guida di qualcuno, inciampa in molte trappole del maligno, perde la strada, fatica tanto, entra in molti pericoli e non conosce che fine farà. Perché non sono pochi coloro che superarono tante fatiche ed esercizi e sopportarono tanti sacrifici per Dio, ma la loro autonomia, il non discernimento e la mancanza dell'aiuto spirituale da parte del prossimo, hanno reso le loro fatiche vane e impotenti.

Per questo, secondo le proprie possibilità, ciascuno deve curare di trovarsi vicino alle persone che hanno conoscenza spirituale. In questo modo, anche se non si ha illuminazione della vera conoscenza, camminando vicino a chi ce l'ha, non ci si troverà più nell'oscurità. Non si correranno rischi durante le piogge e quando si incontreranno delle trappole. Non si cadrà nelle grinfie delle bestie spirituali, le quali vivono nell'oscurità, possiedono, rovinano e distruggono tutti quelli che camminano dentro ad essa, senza la lampada spirituale della parola divina.

Di San Massimo il Confessore.

Come i genitori secondo la carne hanno un amore naturale particolare per i loro figli, così anche la mente ha un legame naturale con le sue parole. E come i genitori che amano patologicamente i loro figli, li considerano più capaci e più belli, anche se sono ridicoli, così anche alla mente insensata, le proprie parole appaiono sagge, anche se sono peggiori delle altre. La mente saggia, invece non considera così le proprie parole. Al contrario, quando crede siano oggettive e belle, soprattutto allora diffida del proprio giudizio, ed incarica altri saggi di giudicare le proprie parole e i propri pensieri, «perché non risultasse inutile il lavoro» (Galati 2, 2); e da loro prende sicurezza.

Di Sant'Efrem.

Non rifiutare il consiglio degli uomini santi, anche se hai tanta conoscenza spirituale. Perché anche questo è il frutto della conoscenza.

Di Abbà Isacco.

Non cercare di prendere consiglio da qualcuno che non segue il tuo modo di vivere, anche se costui è molto saggio. È molto meglio affidare i tuoi problemi ad una persona semplice, ma con esperienza delle cose, che ad uno filosofo, che parla con la logica basata sull'esame teorico delle cose, senza però averne relativa esperienza. Ed esperienza non significa far entrare qualcuno nelle cose e ricercarne solo alcune parti, senza che esso ne abbia acquisito la conoscenza con il proprio lavoro, ma esperienza significa sentire, con la pratica, l'utilità o il danno delle cose, avendone avuto prova per tanto tempo. Perché, molte volte una cosa sembra dannosa, mentre in realtà nasconde tanta utilità. Altre volte però, contrariamente, sembra utile, mentre all'interno è tutto danno. Per questo tante persone hanno subito danni non piccoli, dalle cose che sembravano portare tanto guadagno. Devi allora utilizzare come consigliere quella persona, che conosce per esperienza la natura e la forza di diverse cose e possa distinguere con infallibilità!

Chi ha fatto pratica della giusta utilità della libertà, prima a se stesso, è degno dopo di fiducia per donarla agli altri con sapienza.

In ogni questione devi credere che hai bisogno d'insegnamento, solo così in tutta la tua vita ti confermerai saggio.

 

timbro hristos 326x327Copyright © 2019 - 2024 Hristos – Tutti i diritti riservati
Fonte: italiaortodossa.it

 

 

Potresti essere interessato a...

Questa epoca richiede coraggio
Questa epoca richiede coraggio I vescovi e i preti devono opporsi con audacia ai poteri dell'oscurità – Non è forse questo un momento della storia della Chiesa, che richiede che i suoi pret... 664 views padre Tryphon
La Trinità
La Trinità I cristiani ortodossi credono in un solo Dio in tre persone: Padre, Figlio e Santo Spirito, uno in essenza e indiviso. I cristiani ortodossi credono in un... 8085 views Administrator
Il Mistero della Chiesa
Il Mistero della Chiesa La natura collettiva della salvezza – Vi è un certo vuoto nel cercare di vivere la vita cristiana al di fuori della vita della Chiesa. Questo perché vivere ve... 1869 views padre Tryphon
La Chiesa come pienezza escatologica
La Chiesa come pienezza escatologica La Chiesa nel suo insieme è mezzo della grazia, sacramento del Regno. Per questo la sua struttura — gerarchica, liturgica e sacramentale — non ha altra funzio... 3502 views Alexander Schmemann

Bacheca

Viaggio studio in Montenegro

Giovedì, 10 Marzo 2022 13:47

Uno dei modi migliori per comprendere la cultura e la religiosità di un popolo è quello di conoscere il principale strumento attraverso cui queste vei...

Omelia del Metropolita Onufrij

Martedì, 08 Marzo 2022 19:42

La nostra santa Chiesa ortodossa ucraina ha sempre insegnato, desiderato e predicato l'amore tra le nazioni. Abbiamo auspicato in particolare che ci...

Omelia del Patriarca Kirill nella domenica del perdono

Martedì, 08 Marzo 2022 18:54

Chi sta attaccando l'Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni; otto anni di sofferenza e il...

Fermatevi! Nel nome di Dio!

Lunedì, 28 Febbraio 2022 17:40

Il nostro desiderio è di rivolgere un appello a tutti voi: Spegniamo le Tv per un attimo e smettiamo di seguire la propaganda di guerra tramite i mas...

Celebrata la Divina Liturgia presso le reliquie di Sant'Ambrogio di Milano

Martedì, 21 Dicembre 2021 12:34

Questo lunedì è stata celebrata la Divina Liturgia in occorrenza della festa di Sant'Ambrogio secondo il vecchio calendario, presso la Basilica di Sa...

Pyotr Mamonov: “Se solo avessi il tempo per prepararmi!”

Lunedì, 13 Settembre 2021 22:53

Nel film “L'Isola" mi sdraio dentro una bara. È un oggetto austero. Quattro pareti e un coperchio: niente Vangelo, niente icone, niente. Io con che c...

Eletto il nuovo patriarca della Chiesa ortodossa serba

Giovedì, 18 Febbraio 2021 22:08

Sua Eminenza il Metropolita Porfirije di Zagabria e Lubiana è stato eletto 46° Patriarca della Chiesa ortodossa serba dopo la dormizione, a novembre,...

Risultati del Sinodo georgiano: nessun tentativo di rovesciare il Patriarca

Sabato, 13 Febbraio 2021 19:32

Tbilisi. Il Santo Sinodo della Chiesa Ortodossa Georgiana si è riunito oggi a Tbilisi sotto la presidenza di Sua Santità Catholicos-Patriarca, Ilia II...

Mappa interattiva parrocchie ortodosse romene in Italia

Sabato, 13 Febbraio 2021 19:14

Roma − Il Vescovado ortodosso romeno d'Italia ha messo a disposizione dei fedeli una mappa interattiva delle sue parrocchie con un link a ciascun...

Le parrocchie ortodosse ucraine a sostegno dei bambini malati di cancro

Sabato, 13 Febbraio 2021 18:52

Kiev - Ucraina. Nella festa di Presentazione del Signore al Tempio e della Giornata mondiale dei bambini colpiti dal cancro, con la benedizione di Sua...

« »

Prossima festività

Copyright © 2019-2024 Hristos. All Rights Reserved. Designed By Domenico Oliveri.