Il monastero delle Grotte di Kiev

Kievo-Pe4erskaja-Lavra 1

 

Il Monastero delle Grotte, o Pečersk Lavra, è un antico monastero fondato nel 1051, durante il regno del grande principe Yaroslav il Saggio, dai monaci Antonio e Teodosio, sul monte Berestov, non lontano dalla capitale Kiev.

Nel decimo secolo, Kiev era diventata la capitale della Rus', a quel tempo conosciuta come il Grande Principato. La città si era sviluppata rapidamente ed era divenuta nota durante il regno del Santo principe Vladimir, che la cristianizzò con il Battesimo del popolo lungo il fiume Dnepr nel 988. Questo sacramento di massa diventò di fatto il simbolo dell'introduzione del cristianesimo nello Stato della Rus' di Kiev.

Il monastero è così chiamato per le condizioni fisiche e morfologiche del luogo in cui sorge: la parola pechera indica nell'antica lingua slava il termine "grotta" mentre lavra è usata per indicare i più importanti monasteri ortodossi, dipendenti dal Santo Sinodo. A partire dall'XI secolo, in queste grotte sono state tumulate le reliquie di 118 santi monaci, i cui corpi sono rimasti essiccati e incorrotti. In alcuni contenitori di vetro sono conservati dei teschi, che da secoli secernono un olio con il quale fino ai nostri giorni sono stati curati molti malati.

La Provvidenza di Dio aveva scelto per il monastero un posto vicino a Kiev. La più antica tradizione della Chiesa vuole che il Santo Apostolo Andrea abbia percorso il fiume Dnepr e abbia raggiunto la località che in seguito sarebbe divenuta Kiev, dove venne eretta una croce, profetizzando la nascita della città all'insegna del cristianesimo: "Su queste colline risplenderà la beneficenza di Dio, e qui ci sarà una grande città".

Fondato fuori dalle mura di Kiev, nel corso dei secoli il monastero fu inglobato nella città vera e propria, dando testimonianza della santità dell'Ucraina. Il venerabile Nikon, igumeno del monastero, è stato il primo cronista noto della Rus' di Kiev. Il primo storico russo Nestor, ha vissuto e lavorato qui. Egli scrisse: "Questo monastero non fu costruito con ricchezze, ma con lacrime, digiuni e preghiere". Nel XIII secolo, la prima descrizione delle vite dei santi russi - Pechersk Paterikon - è stata compilata nel monastero. La morale e l'ascesi dei monaci attrasse ed educò personaggi famosi, divenendo una sorta di accademia per i gerarchi ortodossi. All'inizio del XIII secolo, cinquanta vescovi del monastero furono nominati in diverse parti della Rus' di Kiev

La storia della sua fondazione è fornita dalla Vita di San Teodosio, scritta da San Nestor, che nel descrivere la vita del santo e delle sue opere dà un quadro ricco di dettagli sulla fondazione e sulla conformazione del monastero, di cui egli stesso era diacono. Dalle sue opere apprendiamo che colui che per primo usufruì delle grotte sul Berestov fu Sant'Ilarione, all'epoca prete a Kiev, il quale, prima di essere nominato metropolita, cercando un posto dove praticare ascesi nei pressi di Kiev, trovò una piccola grotta, la allargò e vi rimase per lungo tempo, recitando salmi e pregando. È ricordato come il primo russo eletto metropolita da un concilio di Vescovi russi. La Chiesa russa era stata infatti fino ad allora soggetta alle decisioni del Patriarcato di Costantinopoli e tutti i suoi metropoliti erano stati Greci, posti sul seggio episcopale della Rus' per disposizione del potere imperiale.

429px-Saint Anatolius of Kyiv CavesAlcuni anni dopo Antonio, un monaco eremita nato nei pressi di Chernigov, tonsurato nel 1048 sul Monte Athos, dovendo tornare in patria si stabilì nella stessa grotta e fondò con i primi suoi adepti, tra i quali Teodosio, Barlam e Nikon, il primo nucleo del monastero. Fu costruita una chiesa sotterranea dedicata alla Madre di Dio.

Con la rapida crescita del numero dei monaci, si manifestò l'urgenza di nominare un Padre Superiore che potesse reggerlo: Antonio, cosciente di questa necessità ma non volendo assurgere a questo ruolo, nominò Barlaam (1061) a tale carica e successivamente, quando quest'ultimo fu nominato vescovo, l'incarico di dirigere e rappresentare il Lavra passò a Teodosio (l074). Quando il numero di fratelli arrivò a 100, il Venerabile Teodosio redasse uno statuto, basato su quello antico del monastero Studita. Questo statuto fu poi accettato da tutti i monasteri della Rus 'di Kiev. Sotto la sua direzione il monastero, fino ad allora costituito da una serie di grotte unite fra di loro, venne significativamente ampliato strutturalmente. Per tale ragione Teodosio viene comunemente ritenuto co-fondatore del monastero. Costruì infatti nuove celle, una cattedrale e altri edifici destinati ai lavori dei monaci, quali, ad esempio, la pittura delle icone sacre. Teodosio creò nuove regole monastiche e nuovi cori religiosi. La posa e la costruzione della Cattedrale della Madre di Dio fu uno degli eventi più importanti della vita del monastero. Ci vollero quindici anni agli architetti greci e ai pittori di icone per costruire la Cattedrale, che fu consacrata nel 1089. Il Venerabile Alypios , che è considerato essere il padre dell'iconografia russa, ha partecipato ai dipinti murali della Cattedrale. Il Paterikon narra che il sito dove sorse la cattedrale sarebbe stato indicato dallo stesso Dio ai monaci, che in seguito avrebbero dedicato la Chiesa alla Dormizione della Vergine.

A partire dal 1240 fino all'inizio del XIV secolo il monastero è stato più volte attaccato dai tartari e da incursioni mongole. Nel XVI secolo cominciò a espandersi molto rapidamente: si costruirono chiese, si acquisirono nuove terre. Il XVII secolo segnò l'inizio dell'età d'oro del monastero. L'autorità spirituale in particolare aumentò durante i tempi della lotta contro l'unione tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse, quando il monastero fu presieduto da personalità di spicco di quel tempo: Archimandriti Nikifor Tur, Elisey Pletenetsky, Kopystensky Zakhariya, metropolita San Pietro Mohyla, Innokentiy Gizel e altri. L'inizio della stampa a Kiev è collegato con il nome di Elisey Pletenetsky. Nel 1680-1690, il monaco di Baturin Krupitsk, il futuro San Demetrio, metropolita di Rostov, ha scritto "Vita di Santi", che fino ad oggi è la lettura preferita dei cristiani.

2011 01 02 23 22 38A partire dal 1786, i metropoliti di Kiev e Gallich sono stati al tempo stesso i capi della gerarchia del Pečersk Lavra. Fino alla fine del XVIII secolo il monastero ha continuato a svilupparsi con la costruzione di nuove chiese e nuovi edifici e l'acquisizione di nuovi terreni. All'inizio del XX secolo, c'era una tipografia, la fabbrica di candele, di mattoni, la fabbrica del vetro e altro. Il monastero aveva anche sul suo territorio un albergo per i pellegrini e un ospedale. Ogni anno il monastero dava alloggio e cibo a migliaia di pellegrini. Al Lavra furono assegnate somme ingenti per beneficenza, istruzione ed esigenze varie.

Ma la Provvidenza di Dio preparò nuove terribili prove per il popolo ucraino - la persecuzione da parte del regime ateo sovietico. Dopo la rivoluzione di ottobre del 1917, vi furono molti omicidi di monaci e sacerdoti. L'omicidio del Metropolita Vladimir di Kiev il 25 gennaio 1918 fu uno degli eventi più tragici della storia del Lavra. Il 29 settembre 1926 il governo e il Consiglio dei Commissari del Popolo dell'URSS adottò la risoluzione sulla modifica dello stato del Kiev-Pechersk Lavra in Museo di Stato. Nel 1930 il monastero è stato completamente chiuso. Alcuni dei fratelli sono stati prelevati da Kiev e fucilati, il resto è stato imprigionato o esiliato. Nonostante la sua chiusura e l'apertura del museo antireligioso, molti fedeli continuavano a giungere al Lavra. Durante la seconda guerra mondiale, dopo due mesi di occupazione nazista, un altro disastro accadde al Lavra - la cattedrale della Dormizione venne distrutta. Fu un grande lutto per il paese, per l'Ortodossia, e per ogni persona fedele. Allo stesso tempo, nel 1941 riprese la vita monastica nel Lavra. Durante gli anni della guerra e del periodo post-bellico i servizi religiosi hanno avuto luogo tra le rovine. Nonostante tali circostanze, i devoti pellegrini venivano ricevuti.

Nel 1950 lo Stato iniziò i lavori di restauro su vasta scala. Tuttavia, il regime sovietico non era interessato al rilancio e al rafforzamento della vita spirituale. L'esistenza del monastero contraddiceva gli obiettivi dello stato ateo. Nel 1961 il Lavra fu nuovamente chiuso. La Celebrazione del 1000° anniversario del Battesimo della Rus' di Kiev nel 1988 fu un punto di svolta nella vita della nazione Ucraina. Lampade a olio hanno cominciato a bruciare nuovamente nel monastero.

Sua Beatitudine Vladimir, metropolita di Kiev e di tutta l'Ucraina, è l'archimandrita e il capo della gerarchia. Ha iniziato questo servizio nel 1992, subito dopo essere stato nominato Primate della Chiesa ortodossa ucraina. Dal 1994, Sua Eminenza Pavel, arcivescovo di Vyshgorod, Vicario della Metropolia di Kiev, è superiore al Lavra. Come nei tempi antichi, il padre spirituale è eletto per la guida spirituale dei fratelli.

I temi principali della vita nel monastero sono discussi in seno al Santo Sinodo. La preghiera e il lavoro sono sempre stati la base della vita nel Kiev-Pechersk. Oggi il monastero ha propri idraulici, metalmeccanici, carpentieri, falegnami, architetti, sarti, giardinieri, apicoltori, panettieri, cuochi, assistenti sanitari, bibliotecari, ecc. Ha la scuola di pittura delle icone e i laboratori di ceramica, di cucito e ricamo in oro. Ha anche un appezzamento di terreno e una fattoria.

patriaca krillLa conservazione dello stile architettonico del monastero e il restauro delle chiese sono tra le principali preoccupazioni del Kiev-Pechrsk Lavra. Il rinnovamento e la consacrazione nel mese di agosto 2000 della Cattedrale della Dormizione - il principale santuario - è stata la più grande gioia per il Pechersk Lavra e per tutti i Cristiani ortodossi. Per il bene di Kiev, anche le due famose e terapeutiche fonti dei Padri fondatori Antonio e Teodosio sono state riattivate. Presso le due fontane è scritto che l'acqua ha proprietà curative [...].

"Rivive" la Santa Dormizione-Kiev-Pechersk Lavra, - ha detto il suo Superiore Mons. Pavel, - è il simbolo spirituale della rinascita della nostra nazione. Questo è un simbolo di recupero dal peccato. Ai figli spirituali della nostra Chiesa, a tutti coloro che non sono indifferenti alla sua storia dico: prendetevi cura di questa grande struttura. Che non appartiene solo ai monaci. Appartiene a tutti".

Nel 1990 il monastero è stato inserito dall'Unesco nella lista dei patrimoni dell'umanità, cosa che testimonia il suo grande valore storico non solo per l'Ucraina, ma per il mondo intero.

Il 6 gennaio la Chiesa Ortodossa celebra la Santa Teofania del Signore, vigilia della Gloriosa Natività; il 18 gennaio ricorre il battesimo di Gesù, il 19 l'Epifania e il 20 San Giovanni Battista. Ogni anno innumerevoli fedeli e più di un milione di turisti visitano il Monastero, dal quale ha preso origine tutta la vita monastica russa.

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

 

Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev
Monastero delle...
Monastero delle Grotte di Kiev

 

timbro hristos 326x327

 

Copyright © 2019 - 2022 Hristos – Tutti i diritti riservati

Fonte: "eleousa.net/articoli.php?id=98"

 

 

Potresti essere interessato a...

I Dieci Comandamenti
I Dieci Comandamenti Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla condizione di schiavitù: non avrai altri dei di fronte a me. Non ti farai idolo ... 2944 views administrator
Perché esiste il male nel mondo?
Perché esiste il male nel mondo? Come affrontiamo l'esistenza del male nella creazione di Dio? – Tali anomalie nella creazione di Dio sono, in definitiva, il risultato non della volontà di Di... 1001 views padre Tryphon
L'uovo pasquale
L'uovo pasquale La tradizione dell'uovo pasquale – Alla fine del Mattutino, durante il Servizio Pasquale, il presbitero distribuisce a ciascun fedele un uovo rosso, simbolo d... 106 views Padre Tryphon
Interpretare la Bibbia
Interpretare la Bibbia La Santa Tradizione guida la Chiesa nell'interpretazione delle Sacre Scritture – La Chiesa ortodossa ha preservato gli antichi insegnamenti e le tradizioni li... 592 views padre Tryphon

Bacheca

Viaggio studio in Montenegro

Giovedì, 10 Marzo 2022 13:47

Uno dei modi migliori per comprendere la cultura e la religiosità di un popolo è quello di conoscere il principale strumento attraverso cui queste vei...

Omelia del Metropolita Onufrij

Martedì, 08 Marzo 2022 19:42

La nostra santa Chiesa ortodossa ucraina ha sempre insegnato, desiderato e predicato l'amore tra le nazioni. Abbiamo auspicato in particolare che ci...

Omelia del Patriarca Kirill nella domenica del perdono

Martedì, 08 Marzo 2022 18:54

Chi sta attaccando l'Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni; otto anni di sofferenza e il...

Fermatevi! Nel nome di Dio!

Lunedì, 28 Febbraio 2022 17:40

Il nostro desiderio è di rivolgere un appello a tutti voi: Spegniamo le Tv per un attimo e smettiamo di seguire la propaganda di guerra tramite i mas...

Celebrata la Divina Liturgia presso le reliquie di Sant'Ambrogio di Milano

Martedì, 21 Dicembre 2021 12:34

Questo lunedì è stata celebrata la Divina Liturgia in occorrenza della festa di Sant'Ambrogio secondo il vecchio calendario, presso la Basilica di Sa...

Pyotr Mamonov: “Se solo avessi il tempo per prepararmi!”

Lunedì, 13 Settembre 2021 22:53

Nel film “L'Isola" mi sdraio dentro una bara. È un oggetto austero. Quattro pareti e un coperchio: niente Vangelo, niente icone, niente. Io con che c...

Eletto il nuovo patriarca della Chiesa ortodossa serba

Giovedì, 18 Febbraio 2021 22:08

Sua Eminenza il Metropolita Porfirije di Zagabria e Lubiana è stato eletto 46° Patriarca della Chiesa ortodossa serba dopo la dormizione, a novembre,...

Risultati del Sinodo georgiano: nessun tentativo di rovesciare il Patriarca

Sabato, 13 Febbraio 2021 19:32

Tbilisi. Il Santo Sinodo della Chiesa Ortodossa Georgiana si è riunito oggi a Tbilisi sotto la presidenza di Sua Santità Catholicos-Patriarca, Ilia II...

Mappa interattiva parrocchie ortodosse romene in Italia

Sabato, 13 Febbraio 2021 19:14

Roma − Il Vescovado ortodosso romeno d'Italia ha messo a disposizione dei fedeli una mappa interattiva delle sue parrocchie con un link a ciascun...

Le parrocchie ortodosse ucraine a sostegno dei bambini malati di cancro

Sabato, 13 Febbraio 2021 18:52

Kiev - Ucraina. Nella festa di Presentazione del Signore al Tempio e della Giornata mondiale dei bambini colpiti dal cancro, con la benedizione di Sua...

« »

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO

x

Prossima festività

Copyright © 2019-2022 Hristos. All Rights Reserved. Designed By Domenico Oliveri.